Standard sociali

Responsabilità sociale lungo la catena della fornitura

Due operai edili, uno con la maglietta Delizio.

Attraverso le nostre attività commerciali possiamo avere un impatto positivo sulle persone lungo l'intera catena del valore. Riconoscendo la nostra responsabilità, lavoriamo in modo continuo per rafforzare sistematicamente i diritti umani nelle nostre pratiche di approvvigionamento.

Importanza del tema

Il rispetto dei diritti umani è uno dei nostri valori aziendali fondamentali. Siamo consapevoli del fatto che, con le nostre attività commerciali, facciamo la differenza per le persone lungo l'intera catena del valore. Pertanto, impostiamo le nostre attività in modo tale da evitare, mitigare o porre fine agli impatti negativi sui diritti umani. In linea con la guida dell'OCSE sul dovere di diligenza, lavoriamo in modo costante per rafforzare sistematicamente il radicamento dei diritti umani nelle nostre pratiche di approvvigionamento.

Sulla base di un'analisi completa dei rischi legati ai diritti umani, i nostri obblighi di diligenza mirano a evitare, diminuire e porre fine agli impatti negativi reali e potenziali lungo le nostre catene di fornitura. Conformemente alla legislazione svizzera in materia di obblighi di diligenza e trasparenza, nel dovere di diligenza e nella rendicontazione viene prestata particolare attenzione alla questione del lavoro minorile. Altri temi che promuoviamo attivamente sono il miglioramento dei mezzi di sussistenza del personale impiegato presso i produttori, la protezione delle persone vulnerabili, la prevenzione del lavoro forzato, la libertà di associazione e la garanzia d'accesso ai meccanismi di reclamo.

Radicamento in azienda

Gli obblighi di diligenza in materia di diritti umani lungo la catena di fornitura sono strategicamente sanciti nei requisiti del Gruppo Migros, i quali stabiliscono in modo vincolante che i fornitori devono riconoscere il Codice di condotta amfori BSCI. I requisiti del Gruppo Migros fanno parte della nostra strategia per la sostenibilità a livello di Gruppo.

Nel commercio al dettaglio delle cooperative ci siamo posti anche obiettivi strategici per l'audit degli standard sociali nella catena di fornitura. Inoltre, abbiamo stabilito dei principi su come affrontare in singoli casi i potenziali conflitti di interesse tra direttive di sostenibilità e di approvvigionamento. Oltre al rispetto del Codice di condotta amfori BSCI da parte dei nostri fornitori, sono contemplati anche il ruolo della sostenibilità nelle decisioni di approvvigionamento e tempistiche adeguate per le ordinazioni.

Di più sulla nostra governance della sostenibilità

  • Il Codice di condotta BSCI amfori in dettaglio

    Icona per aprire o chiudere

    L'iniziativa amfori BSCI intende migliorare le condizioni sociali nelle catene di fornitura globali ed è stata co-fondata da noi nel 2003.

    Il Codice di condotta amfori BSCI e i documenti e i tool associati si basano su diversi strumenti riconosciuti a livello internazionale, tra cui la Dichiarazione universale dei diritti umani delle Nazioni Unite (ONU), le convenzioni dell'Organizzazione Internazionale del Lavoro (OIL), i Principi guida delle Nazioni Unite su imprese e diritti umani (UNGP) e le Linee Guida dell'OCSE per le imprese multinazionali.

    Il Codice di condotta amfori BSCI disciplina i seguenti argomenti:

    • sistema di gestione sociale ed effetto a cascata

    • tutela ambientale

    • comportamento aziendale etico

    • nessuna occupazione precaria

    • nessuna servitù per debiti, lavoro forzato o traffico di esseri umani

    • protezione particolare delle lavoratrici e dei lavoratori giovani

    • nessun lavoro infantile

    • protezione dei lavoratori

    • orari di lavoro ragionevoli

    • retribuzione adeguata

    • nessuna discriminazione, violenza o molestia

    • libertà di associazione e diritto a trattative collettive

    • partecipazione e protezione del personale

    I nuovi fornitori devono accettare per iscritto il Codice di condotta amfori BSCI al momento dell'avvio del rapporto commerciale.  Se viene già applicato uno standard o un codice di condotta analogo riconosciuto a livello internazionale, questo viene verificato e, se si dà il caso, accettato come equivalente. Tutti i requisiti e le fasi procedurali sono messi a disposizione dei fornitori e aggiornati regolarmente.  

    Il nostro impatto

    Con i nostri fornitori cerchiamo di instaurare una collaborazione alla pari. Dove necessario, lavoriamo insieme per migliorare costantemente le condizioni di lavoro nella produzione. L'empowerment del personale e la formazione continua della dirigenza di fabbriche e aziende agricole sono per noi particolarmente importanti. Uno degli obiettivi è la gestione responsabile della forza lavoro e delle risorse.

    • Audit indipendenti

      Icona per aprire o chiudere

      In Svizzera, le basi giuridiche e la loro effettiva applicazione sono fondamentali per garantire condizioni di lavoro sicure e socialmente sostenibili. Purtroppo, il rispetto di questi standard non è garantito ovunque nel mondo. Le autorità dei Paesi più poveri non hanno risorse sufficienti per monitorare e garantire efficacemente il rispetto delle leggi sul lavoro nelle aziende. In alcuni casi manca anche la volontà politica, ad esempio nei Paesi autoritari. Applicando standard riconosciuti a livello internazionale come amfori BSCI, garantiamo il rispetto dei requisiti sociali minimi nella produzione e nella coltivazione di prodotti importati in Paesi e settori a rischio.

      Siamo consapevoli del fatto che l'impegno a rispettare il Codice di condotta BSCI amfori da solo non basta. Per questo motivo, ogni anno facciamo eseguire da società terze indipendenti numerose ispezioni, note come audit amfori BSCI, negli stabilimenti di produzione. amfori BSCI persegue un approccio di sviluppo con l'obiettivo di migliorare continuamente e a lungo termine la situazione del personale nelle fabbriche. Siamo anche membri dell'International Accord, che promuove la sicurezza dei lavoratori attraverso ispezioni indipendenti, misure correttive e programmi di formazione con il coinvolgimento del personale.

      Se un fornitore a monte mostra risultati insoddisfacenti durante un'ispezione, ciò non significa automaticamente che interromperemo la collaborazione con questo partner commerciale. In collaborazione con il nostro partner commerciale diretto, il fornitore a monte deve correggere le lacune e dimostrarci come ha migliorato la situazione in fabbrica per la forza lavoro; per saperne di più si veda la sezione Misure. Solo se i fornitori a monte non collaborano e non apportano miglioramenti, il rapporto commerciale viene infine interrotto.

      • L'agricoltura in Europa

        Icona per aprire o chiudere

        Nella produzione agricola di frutta e verdura, anche i produttori europei hanno margini di miglioramento per quanto concerne le condizioni di lavoro. Per questo motivo, in Paesi come la Spagna e l'Italia chiediamo l'implementazione del sistema di valutazione GRASP (GlobalG.A.P. Risk Assessment on Social Practices) per il miglioramento delle pratiche sociali in agricoltura. Dal 2024 è in vigore la nuova versione (GRASP V2) con requisiti ancora più vincolanti per i produttori e un rating più rigoroso per i rapporti di valutazione. Particolare attenzione è rivolta alle aree del lavoro forzato e del coinvolgimento dei collaboratori attraverso la rappresentanza del personale.

        • Controlli mirati delle catene di fornitura

          Icona per aprire o chiudere

          Oltre agli audit indipendenti effettuati da terzi, anche i nostri specialisti effettuano sopralluoghi per conto proprio per farsi un'idea delle condizioni sul posto. In questo modo possiamo verificare i contenuti dei rapporti di audit commissionati in precedenza, secondo il principio del doppio controllo. Come per lo standard BSCI amfori, l'obiettivo è quello di fare il punto in loco e di avviare, se necessario, misure per migliorare le condizioni di lavoro. Anche i produttori con ordini di piccola entità o con pochi dipendenti possono così contare sul supporto di specialisti esperti, ad esempio degli uffici acquisti Migros a Hong Kong e Delhi o della sede centrale di Zurigo.

          • Pesce selvatico: autodichiarazione per i partner commerciali

            Icona per aprire o chiudere

            Per soddisfare le crescenti aspettative e le normative vincolanti in materia di obblighi di diligenza aziendale relativi ai diritti umani e all'ambiente (due diligence), chiediamo ai nostri fornitori di pesce selvatico di firmare un'autodichiarazione. In questo documento, i fornitori si impegnano a fornirci informazioni sull'intera catena del valore e a valutare i possibili rischi relativi alle condizioni di lavoro nell'attività di pesca. Sulla base di un sistema di controlli a campione casuali, dall'ottobre 2022 il settore Standard sociali conduce incontri di valutazione approfondita e valutazioni del rischio, in cui i fornitori con rischi elevati sono invitati ad attuare misure di riduzione del rischio o ad apportare modifiche alla catena di fornitura.

            • Canali di reclamo nella catena di fornitura

              Icona per aprire o chiudere

              Speak for Change: i meccanismi di reclamo per i diritti umani ci offrono l'opportunità di acquisire una conoscenza più approfondita della nostra catena di fornitura. Per fornire un aiuto efficace ai lavoratori e agli stakeholder interessati, amfori ha introdotto il programma Supply Chain Grievance Mechanism (SCGM), noto come amfori Speak for Change. Questo programma dà voce alle persone colpite nella nostra catena di fornitura e consente di trovare soluzioni attraverso indagini indipendenti, interventi correttivi e azioni collettive. Il programma amfori Speak for Change è attualmente attivo in Vietnam, Turchia, Bangladesh e India. È prevista l'introduzione progressiva in altri Paesi.

              Appellando: in Spagna, il commercio al dettaglio delle cooperative si è impegnato a favore della creazione del canale di reclamo Appellando, un'help line per le persone impiegate nell'agricoltura spagnola. Mentre un audit ha luogo solo in un determinato momento dell'anno, l'help line è a disposizione dei dipendenti 24 ore su 24 per tutto l'anno. Abbiamo sviluppato Appellando in collaborazione con altri dettaglianti sotto l'egida dell'EHI Retail Institute. Fondato nell'estate del 2023, l'obiettivo del meccanismo di reclamo è quello di garantire un canale di comunicazione, oltre che in Spagna, anche in Italia.

              M-Concern: il Gruppo Migros adempie ai suoi obblighi di diligenza anche attraverso lo sportello per le segnalazioni M-Concern, che i fornitori possono utilizzare per contattarci direttamente. Con M-Concern, il Gruppo Migros offre la possibilità di segnalare determinate violazioni del Codice di condotta in un processo formale.

              • Lacune nell'approccio basato sul rischio

                Icona per aprire o chiudere

                "Al momento l'esame degli standard sociali basato sul rischio nella catena di approvvigionamento si concentra sull'ultima fase di lavorazione dei prodotti trasformati. Si tratta, ad esempio, dell'assemblaggio finale di dispositivi elettronici o di articoli per la casa, della lavorazione di prodotti alimentari o della confezione di capi di abbigliamento. Nel settore dei prodotti ortofrutticoli freschi, i controlli vengono effettuati nella fase di coltivazione. Per le materie prime importate (cacao, caffè, olio di palma ecc.) ci affidiamo a marchi di sostenibilità riconosciuti, che garantiscono i requisiti minimi, anche in termini di standard sociali, nella fase di coltivazione e lavorazione. Maggiori informazioni sulle materie prime si trovano qui.

                Le lacune nella copertura degli standard sociali presso i partner commerciali risiedono principalmente nelle fasi intermedie della catena di fornitura. Si tratta, ad esempio, dei produttori di componenti per dispositivi elettronici, delle fasi preliminari dell'industria dell'abbigliamento e dei fabbricanti di prodotti alimentari. In queste aree attualmente vi è poca trasparenza. Per poter colmare queste lacune in futuro, siamo coinvolti nei relativi gruppi di lavoro all'interno del settore.

                Misure

                Nell'ambito dei nostri obblighi di diligenza in materia di diritti umani, portiamo avanti un processo di miglioramento continuo con i nostri partner commerciali, sostenendoli attivamente nel rispetto dei diritti umani e nel miglioramento delle condizioni di lavoro. Ciò avviene, ad esempio, attraverso visite ai produttori, attività di empowerment, piani di azione correttivi, nonché corsi di formazione e workshop su vari argomenti legati ai diritti umani. Se a questo proposito individuiamo una cooperazione insufficiente da parte di un partner commerciale, ci riserviamo il diritto di interrompere i rapporti commerciali interessati facendo riferimento ai nostri obblighi di diligenza in materia di diritti umani.

                • Empowerment

                  Icona per aprire o chiudere

                  Per noi sono importanti condizioni di lavoro conformi alle norme per tutti i lavoratori. Con i nostri fornitori intratteniamo una collaborazione alla pari. Portiamo avanti l'implementazione dei miglioramenti necessari a breve termine attraverso piani d'azione correttivi. Analizziamo le cause di problemi di ampia portata, come il pagamento delle tasse di reclutamento da parte di lavoratori stranieri. Sviluppiamo quindi soluzioni di miglioramento lungimiranti e durevoli attraverso il contatto personale.

                  Effettuiamo corsi e piani di formazione per promuovere in tutti i soggetti coinvolti la consapevolezza degli standard sociali, dei diritti e dei doveri ad essi associati e del dialogo interno tra dirigenza e personale. L'attenzione si concentra sulla gestione responsabile della forza lavoro e delle risorse: una corretta retribuzione, il mantenimento degli straordinari entro il quadro legale e una migliore sicurezza sul lavoro si rivelano strumenti utili che aumentano l'impegno da parte del personale e riducono gli incidenti sul lavoro.

                  Sostegno alle misure di miglioramento

                  Amfori BSCI: amfori BSCI offre una serie di misure volte a migliorare le condizioni di lavoro sul posto presso i fornitori a monte. L'attenzione è rivolta alla responsabilizzazione della dirigenza. Nell'ambito di workshop su temi quali la sicurezza sul lavoro, i sistemi di gestione sociale, la retribuzione e il reclutamento, i dirigenti sono motivati e ispirati a migliorare le condizioni attraverso la best practice.

                  QuizRR: in collaborazione con l'organizzazione QuizRR, dei tablet vengono messi a disposizione del personale di alcune fabbriche selezionate in Cina, di solito nella mensa. Essi ontengono cortometraggi nella lingua locale con contenuti relativi ai diritti del lavoro, ad esempio in materia di maternità, previdenza sociale, ferie o sicurezza sul lavoro. Un successivo quiz verifica il livello di conoscenza del personale in modo divertente.

                  Consulenza individuale: nei Paesi in cui non vengono offerti workshop proponiamo una consulenza individuale attraverso società terze selezionate o attraverso i nostri team locali per gli standard sociali.

                  Iniziative multi-stakeholder: Foros de Comercio Etico e Stronger Together sono ONG spagnole che promuovono buone condizioni di lavoro nel settore agricolo attraverso la formazione dei produttori, vari workshop per sviluppare migliori pratiche in materia di assunzione e di condizioni di lavoro nonché eventi di networking. Alcuni dei nostri fornitori di frutta e bacche nel sud della Spagna hanno partecipato a un workshop organizzato dal Foro Etico sul tema "Salari dignitosi e prestazioni sociali e strategie per l'attuazione delle prestazioni sociali". I nostri produttori di fragole hanno partecipato a un workshop di Stronger Together sulle "Attività per promuovere pratiche etiche sul posto di lavoro".

                  • Lavoro minorile

                    Icona per aprire o chiudere

                    Siamo contrari a tutte le forme di sfruttamento minorile. Siamo consapevoli del fatto che il lavoro minorile continua a essere diffuso in tutto il mondo. Colpisce soprattutto le regioni e i Paesi con un basso livello di sviluppo economico in campi quali l'agricoltura, l'estrazione di materie prime, il lavoro domestico e il settore informale. Anche le nostre catene di fornitura sono interessate dal rischio di sfruttamento del lavoro minorile, soprattutto nella catena di fornitura indiretta. Nello specifico, sono interessati la prelavorazione, i fornitori di aziende di produzione, la coltivazione di materie prime agricole, l'estrazione di materie prime e i subappalti illegali. Con i nostri sforzi volti ad agire in modo più efficace lungo la catena del valore, vogliamo aumentare la trasparenza della catena di fornitura.

                    Il nostro approccio

                    Basiamo i nostri obblighi di diligenza in materia di lavoro minorile sulle normative internazionali, in particolare sulle Convenzioni 138 e 182 dell'OIL e sul Child Labour Guidance Tool for Business dell'OIL e dell'IOE. I requisiti corrispondenti sono inclusi nel Codice di condotta amfori BSCI e sono vincolanti per tutti i fornitori. Disponiamo inoltre di valutazioni specifiche per Paese sul lavoro minorile (per es. amfori ESG risk tool o UNICEF). La verifica del lavoro minorile è integrata in tutti i sistemi di audit Migros (amfori BSCI, global GAP GRASP ecc.) e nei programmi dei marchi (per es. Fair Trade Max Havelaar, Rainforest Alliance, RSPO ecc.). Oltre agli audit sul lavoro minorile nelle catene di fornitura, collaboriamo con ulteriori partner.

                    I nostri partner:

                    • The Center for Child Rights and Business: la Migros è membro del gruppo di lavoro CRIB, che si occupa di questioni relative al lavoro minorile nelle catene di fornitura. Inoltre, abbiamo accesso ai servizi di sostegno da parte dell'organizzazione in caso di individuazione del lavoro minorile nelle catene di fornitura.

                    • Progetto "Youth Skills Development" in Kenya: insieme a Max Havelaar e Fair Trade Africa, la Migros ha avviato un progetto di sviluppo sociale nel settore della coltivazione dei fiori in Kenya. L'obiettivo principale è lo sviluppo dei giovani lavoratori, che elaborano e realizzano dei progetti autonomamente (stato 2023).

                    • Progetto "Costruzione di aule scolastiche" in Costa d'Avorio: la Migros finanzia la costruzione di aule scolastiche nell'ambito di un progetto innovativo dell'UNICEF, a beneficio di scolari e raccoglitori di rifiuti in plastica (stato 2022).

                    • KIDS School in India: fondata negli anni '90 a Tirupur come offensiva contro il lavoro minorile, la scuola si è evoluta nel tempo fino a diventare un progetto di sviluppo della Migros apprezzato e di successo. Dopo 15 anni, la scuola è diventata indipendente. Il futuro della scuola è garantito dal sostegno dei fornitori locali di tessuti e dalle entrate derivanti dalle modeste rette scolastiche. Questo importante passo verso l'indipendenza consente alla scuola di continuare la sua missione di educazione e protezione dei bambini della regione.

                    • Reddito di sussistenza

                      Icona per aprire o chiudere

                      Per reddito di sussistenza intendiamo il reddito che i lavoratori percepiscono per una normale settimana lavorativa in un determinato luogo e che è sufficiente a garantire un tenore di vita dignitoso per loro stessi e per le loro famiglie. Nel contesto dell'agricoltura, per reddito di sussistenza per i lavoratori agricoli autonomi intendiamo il reddito totale di una famiglia in un determinato luogo, in grado di garantire un tenore di vita dignitoso per tutti i membri della famiglia. Le nostre attività nell'ambito dei salari e dei redditi di sussistenza si concentrano sui Paesi e sui settori del Sud globale.

                      Il nostro approccio

                      L'adeguata remunerazione della manodopera nelle nostre catene di fornitura è definita nel nostro Codice di condotta amfori BSCI. Anche i nostri principi di approvvigionamento sostenibile definiscono delle linee guida per il rafforzamento delle condizioni di lavoro e della remunerazione. Oltre all'obbligo di pagare il salario minimo legale, ci impegniamo anche a migliorare i salari e i redditi nelle nostre catene di fornitura. Focalizziamo le nostre attività legate al reddito in base al rischio nei Paesi con salari bassi, alti livelli di povertà e strutture deboli in relazione alla protezione sociale e al diritto del lavoro. Perseguiamo un approccio olistico che fornisce un quadro di riferimento per negoziazioni salariali mirate e contribuisce a soluzioni pratiche per uno standard di vita dignitoso:

                      • monitoraggio delle condizioni di lavoro

                      • identificazione di divari salariali

                      • dialogo con gli stakeholder (ONG e partner)

                      • attuazione di progetti pilota con fornitori a lungo termine

                      • promozione del dialogo sociale nelle fabbriche

                      Per migliorare la situazione salariale presso i nostri fornitori a monte, siamo in dialogo con loro per trovare insieme delle soluzioni. I progetti pilota ci aiutano a esplorare le possibili misure e la loro applicabilità su grande scala. Ad esempio, abbiamo sviluppato uno strumento di monitoraggio per registrare i salari pagati ai lavoratori dai nostri fornitori di tessuti. Confrontiamo questi salari con i parametri di riferimento riconosciuti per identificare i divari salariali rispetto a un reddito di sussistenza. Se vengono individuati divari salariali significativi, collaboriamo con i nostri fornitori per trovare misure adeguate affinché i lavoratori delle nostre catene di fornitura possano raggiungere uno standard di vita dignitoso. Il monitoraggio a lungo termine delle condizioni di lavoro e dei divari retributivi ci aiuta a osservare i miglioramenti nel tempo e a colmare i divari.

                      Anche nel settore agricolo il Gruppo Migros investe in progetti di sostenibilità per rafforzare gli agricoltori e le cooperative. Attraverso una serie di attività, contribuiamo a garantire ai lavoratori agricoli e alle loro famiglie un tenore di vita dignitoso. Una formazione mirata per gli agricoltori, ad esempio, può consentire loro di aumentare la produzione e migliorare la qualità. Le nostre misure includono anche progetti di diversificazione, il sostegno all'attuazione di programmi di certificazione (che consentono l'accesso ai premi) e il finanziamento di progetti di sviluppo locale, e portano a un miglioramento durevole del reddito e del tenore di vita.

                      Il nostro approccio

                      Per seguire gli sviluppi in materia di diritti umani nelle nostre catene di valore ci avvaliamo di strumenti di monitoraggio riconosciuti a livello internazionale, come amfori BSCI, GlobalG.A.P. GRASP e altri standard sociali equivalenti. Gli impianti di produzione delle nostre catene di valore sono sottoposti ad audit effettuati da organismi di controllo indipendenti almeno una volta ogni uno o due anni, a seconda del risultato dell'ultimo audit, per verificare la presenza di condizioni di lavoro socialmente sostenibili e di effetti negativi reali e potenziali sui diritti umani. Tutti i dati chiave sugli standard sociali sono disponibili qui. Inoltre, verifichiamo annualmente i progressi della nostra strategia per la sostenibilità a livello di Gruppo attraverso un controlling gestito a livello centrale e un rapporto interno sui progressi compiuti.

                      Storie sul tema

                      Scopri cosa facciamo per assumerci la responsabilità sociale nella nostra catena di fornitura.

                      Tutte le stories

                      Per saperne di più