Una fotografia in bianco e nero di Gottlieb e Adele Duttweiler, scattata tra il 1912 e il 1915.

Gottlieb Duttweiler, fondatore della Migros

«Oggi ho visto una ragazza, la voglio sposare»

È LA storia d’amore per antonomasia della Migros: Adele und Gottlieb Duttweiler. Ognuno ha trovato nell’altro l’amore della sua vita, anche se all’inizio Adele non ne era rimasta affatto colpita.

Di
Kian Ramezani
Data
Formato
Story

Anno 1911: come ogni mattina Adele Bertschi (18) prende il treno da Horgen a Zurigo, dove lavora presso l’ufficio di controllo delle sementi dell’ETH. A Rüschlikon sale un giovane, prende posto di fronte a lei e la guarda con gli occhi spalancati.

«Ero un po’ ingenuo quando ho sposato Adele». In seguito mi sono reso conto di avere avuto una fortuna incredibile ad aver trovato questa donna. Me ne rendo conto sempre di più di quanto sia grande».

Cosa dice lui di lei

«A dire il vero questa cosa non mi piaceva. Ai tempi ero ancora poco più di una bambina. Ma probabilmente la mia ritrosia l’ha stimolato a non arrendersi», racconterà in seguito Adele a proposito di questo primo incontro. Questo giovane è un certo Gottlieb Duttweiler (22), impiegato presso una rinomata azienda di commercio coloniale di Zurigo, nella quale si è fatto notare importando caffè, senza intermediari direttamente dal Brasile. Adele resta scettica, Gottlieb invece dichiara a sua madre con grande euforia: «Oggi ho visto una ragazza, la voglio sposare». La madre vuole sapere come si chiama. Lui non ne ha idea.

Gottlieb e Adele Duttweiler seduti su un muretto sul lago di Zurigo.

La scena nello scompartimento del treno si ripete ogni mattina, ma non sortisce l’effetto desiderato. «Non voleva saperne di me e me lo dimostrava chiaramente. Per me era motivo in più per interessarmi a lei», ricorderà in seguito Duttweiler. Decide quindi di compiere un gran gesto: negli ultimi tempi ha preso delle lezioni di equitazione, perciò decide di noleggiare un cavallo nel fine settimana per far visita ad Adele a Horgen. In sella al cavallo, con la sua bella giacca verde da equitazione, fa davvero colpo. E lo fa sulla madre di Adele, che subito lo invita a pranzo. La giovane, invece, la trova un’esibizione ridicola e si mantiene riservata. Quando lui le proporre un giro in barca a vela sul lago di Zurigo, lei chiede a sua sorella Bertha di andare con loro. Glielo chiede per farsi accompagnare e non perché vuole combinare qualcosa fra i due.

«Mio marito poteva anche essere ingiusto di tanto in tanto, ma lo si poteva contraddire. Le persone coraggiose lo colpivano. Gli altri, quelli che abbassavano la testa, che lo adulavano o che erano troppo servili, quelli non gli piacevano».

Cosa dice lei di lui

Dopo un anno di intensi corteggiamenti, Gottlieb ha convinto Adele e i due celebrano il fidanzamento. Il 29 marzo del 1913 si sposano nella chiesa di Horgen. Nel 1925 Duttweiler fonda la Migros. Il resto è storia.

Adele e Gottlieb Duttweiler nel marzo del 1960 a braccetto in una fotografia a colori

Fonti:

  • Häsler, Alfred A.: Adele Duttweiler-Bertschi – Un secolo di vita, 1993

  • Curt Riess: Gottlieb Duttweiler, 2012, di exlibris

  • Martin Wirz: Dutti der Riese, 2007, DVD di exlibris