Navigazione

Come aerare correttamente d’inverno

Arieggiare in modo corretto: le 10 regole d'oro

Con un buon clima interno si è già a metà strada, perché contribuisce al benessere e alla salute. Era un dato di fatto già prima della pandemia di coronavirus. Ma non è detto che lo si faccia nel modo giusto.

Non c'è dubbio: l'aria fresca è importante, anche per sentirsi a proprio agio a casa. Se non si aprono periodicamente le finestre si rischia la muffa, che può essere pericolosa per la salute. Ecco perché si cambia l'aria, anche d'inverno. Per non disperdere troppo calore prezioso è però importante come si arieggia. Ecco di seguito le 10 regole d'oro.

1. Partiamo dalla base: qual è la temperatura giusta?

Naturalmente ognuno di noi percepisce la temperatura in modo diverso. Alcuni dormono meglio quando la temperatura è bassa e possono avvilupparsi nel piumone. Altri preferiscono invece temperature più calde. Come si può immaginare, esiste naturalmente una raccomandazione: l'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) raccomanda la gradevole temperatura di 20 gradi nella zona giorno e 18 gradi in camera da letto. Fra l'altro, all'aumentare della temperatura del riscaldamento di 1 grado, il fabbisogno energetico aumenta del 6%. Tuttavia, il termometro non basta per definire un buon clima interno: anche l'umidità dell’aria è un criterio e non deve superare il 50%. Buono a sapersi: negli ambienti riscaldati, l'umidità è generalmente un po' più bassa.

Un dispositivo di misurazione del clima interno è posizionato su un tavolo

Foto: Getty Images

2. E come si fa? La ventilazione d'impatto

La conosciamo tutti, ma come funziona in pratica? Un po’ di teoria: Secondo l’azienda elettrica di Zurigo, per cambiare completamente l'aria in una stanza con la finestra spalancata ci vogliono da cinque a otto minuti. Ecco spiegata la ventilazione d'impatto. O, in altre parole, la ventilazione d'impatto è un ricambio d'aria completo in breve tempo. Come regola generale vale la pena ricordarsene due o tre volte al giorno. Si rinnova l'ossigeno e i cattivi odori spariscono come per incanto.

3. Ventilazione incrociata in combinazione con la ventilazione d'impatto per una ventata di freschezza in più

Non tutti possono farlo, ovvio. Ma, per chi può, la ventilazione incrociata è ottima. Infatti, spalancando le finestre delle stanze una di fronte all'altra e aprendo contemporaneamente le porte, si crea una corrente d'aria che porta via gli agenti inquinanti o l'umidità in eccesso.

Sondaggio

Cosa fai tu per aerare?

4. E il bagno e la cucina?

Il bagno ha la finestra? Allora rileggi velocemente i punti 2 e 3. Siccome cucinare e fare la doccia genera moltissima umidità favorendo così la formazione di muffa dannosa per la salute, ogni volta che si fa la doccia o si cucina occorre qualche accortezza in più per migliorare il clima interno. Chi non ha la finestra, può servirsi di un panno asciutto. Basta rimuovere dalle superfici l'acqua in eccesso o abituarsi a usare un tergivetro: questi rimedi risulteranno efficaci.

5. La camera da letto richiede particolare attenzione.

La maggior parte delle camere da letto è un po’ più fredda del resto della casa. Di conseguenza l'umidità può accumularsi sulle pareti e sui telai delle finestre in quanto l'umidità dell'aria condensa nei punti freddi. Il 2° e il 3° punto sono validi aiuti.

6. Consigli da professionisti: posizionare correttamente i mobili

Le pareti esterne sono di solito più fredde di quelle interne. Di conseguenza attirano molto l’umidità (proprio come in camera da letto). Il consiglio è facile da seguire: basta collocare i mobili a una certa distanza dal muro. Così l’aria può circolare bene e si evita la formazione di muffa. 

Lo sapevi?
Klimafreundliche-Filialen_Storytelling-Galerie_Mobile_04_1152x1536

Quanto è aerata una filiale della Migros?

Non hai mai visto una finestra aperta alla tua Migros? Neanche noi! Ciononostante il clima interno nelle filiali Migros è ottimale grazie alla ventilazione controllata da sensori di qualità dell'aria. Di conseguenza l'apporto di aria fresca dall'esterno avviene soltanto quando necessario. È così che garantiamo la perfetta qualità dell'aria senza aerare in permanenza.

7. «Ma così tutto il calore se ne va!» – Non per forza

Sembra un controsenso, ma anche aerando si può risparmiare energia. D'inverno le finestre a ribalta sono da bandire per i fanatici dell'arieggiamento, i difensori del clima e i fautori della svolta energetica. Conviene liberare completamente i davanzali delle finestre che potranno così venir aperte del tutto per la ventilazione d'impatto o incrociata. Inoltre, se i termosifoni sono coperti da tende spesse, l'aria calda faticherà a circolare. Questo è inefficiente.

8. Evitare l'umidità dell'aria non necessaria.

Chiunque vive in un condominio conosce probabilmente il problema: il bucato va fatto asciugare da qualche parte... e così lo stendibiancheria diventa parte integrante del soggiorno a tempo indeterminato. Una pessima idea, soprattutto d'inverno. Perché? Perché l'asciugatura della biancheria causa ulteriore umidità. E siccome per un buon clima interno non andrebbe superata la soglia del 50% di umidità, è evidente che sia da evitare. 

9. L'inganno della nebbia e della pioggia

Si dice che quando fuori piove o c’è una fitta nebbia bisogna tenere chiuse le finestre, altrimenti entra più umidità in casa. Non è affatto così! Fuori è sempre comunque più secco che dentro. Quindi si può arieggiare senza timori. Basta farlo correttamente.

10. Ultimo ma non meno importante: buono a sapersi per i progetti edilizi

Le abitazioni nuove con una buona isolazione e vetri multipli richiedono un'attenta aerazione. Perché? Negli edifici datati sono presenti più crepe, che generalmente garantiscono un po’ più di circolazione dell'aria. Non è un bene dal punto di vista energetico, ma è buono a sapersi!

25.11.2021

Testo: Bettina Bendiner

Foto: Getty Images

L'hai già letto?

Impianto fotovoltaico con pannello solare sul tetto di una casa nei pressi di un lago.

Risparmiare elettricità ed energia in casa

Con una pennellata di colore si può dare nuovo slancio alle mensole di legno

Trasforma il vecchio in nuovo con l'upcycling

Klimafreundliche-Filialen_Page-Linking_480x480

Le nostre filiali rispettose dell'ambiente

Una bambina tiene in mano un vasetto con del basilico

News, progetti e storie sulla sostenibilità

Temi affini