Carta igienica

Compostaggio

Puoi compostarlo, ma forse non lo sai

Bustine di tè e scarti di cucina possono essere compostati: fin qui tutto chiaro. E gli altri rifiuti che si accumulano in casa? Te lo diciamo noi.

Di
Marlies Seifert (Testo) / Getty Images (Foto)
Data
Formato
Suggerimento

Non tutto il compostabile può essere compostato ovunque. I seguenti consigli si applicano principalmente al tuo compost. Ti piacerebbe farlo, ma non hai il giardino? Compra una compostiera con i vermi: è perfetta in ogni cucina! Il compostaggio implica sempre un po' di sperimentazione. Prova con queste idee sorprendenti:

1. Rotolo di cartone della carta igienica

Nel compost con i vermi, il cartone in piccole quantità è addirittura considerato «un'importante fonte di fibre» e dovrebbe costituire il 20% dei rifiuti nel compost. Questo vale anche per le scatole di cartone delle uova. Di tanto in tanto sono tollerati anche fazzoletti o tovaglioli di carta. La cosa migliore è ridurli a pezzettini e aggiungerne una manciata come base per i rifiuti organici.La carta sbiancata non va messa nella compostiera in grandi quantità, ma molte persone gettano il rotolo di carta igienica vuoto nella spazzatura perché troppo piccolo per la raccolta del cartone. Quindi: mettilo nella compostiera!

2. Bastoncini ovattati

I bastoncini ovattati sono compostabili, purché siano in 100% cotone organico e bambù. Anche in questo caso è bene tagliare i bastoncini usati a pezzettini, affinché si decompongano più rapidamente.I bastoncini ovattati compostabili vanno messi nel bidone del verde, dove non sono ammessi prodotti che possano essere confusi con prodotti non degradabili. Anche nei siti di compostaggio comunali bisogna sempre attenersi alle regole vigenti.

3. Abbigliamento

I vestiti certificati «Cradle to Cradle» sono ammessi nel compost. Ne è un esempio la Black Denim Collection di Circular Clothing. Il progetto del Fondo pionieristico Migros ha ideato abiti completamente compostabili, prodotti senza sostanze chimiche tossiche e con materiali puramente organici.Tuttavia questo vale per pochissimi capi, anche se in fibre naturali come lino, seta o lana. Ecco perché non si devono gettare le vecchie T-shirt di cotone bio nella compostiera.

4. Peli e piume di animali

Potresti ricavare un pullover lavorato a maglia dal pelo perso dal tuo amico a quattro zampe? Ci avevamo pensato anche noi... e poi abbiamo gettato la lana fatta in casa nel cestino. Ma i peli degli animali sono perfetti per il compost! Lo stesso vale per le piume non trattate che fuoriescono dal cuscino. Per smaltirle è meglio non compostarle in blocchi, ma separarle o tagliarle a pezzi.In teoria anche i capelli umani sarebbero biodegradabili, ma poiché di solito sono trattati chimicamente o comunque entrano a contatto con prodotti per la cura, dovrebbero essere smaltiti nei normali rifiuti domestici e mai nel gabinetto.

5. Coffee Balls

Forse lo sapevi già: l'innovativo caffè di Migros è completamente biodegradabile. Le sfere di caffè usate del nuovo sistema Coffee B di Migros non contengono né plastica né alluminio e sono compostabili al 100%. In poche settimane si sciolgono nel compost, oppure si possono mettere direttamente nel terreno per fertilizzare le rose.

6. Sterco di animaletti

Gli escrementi di criceti, arvicole e simili possono essere compostati insieme a fieno, paglia o segatura, non invece gli escrementi di cani e gatti e nemmeno le lettiere per gatti. Queste ultime, tra l'altro, non vanno gettate nemmeno nel water, ma nei comuni rifiuti domestici.

7. Uova

La domanda se i gusci d'uovo possano essere compostati non ha ancora una risposta definitiva: le voci a favore sono tante quante quelle contrarie. Così potrai continuare a discutere della questione intorno al tavolo della cucina!Per concludere, la decomposizione del materiale organico dipende dalla sua composizione, dal processo di compostaggio, dal luogo e dalla cura del compost.

Potrebbe interessarti anche

Tutte le stories