Vista di un frigorifero aperto con alimenti ben sistemati al suo interno

Consigli sulla conservazione dei cibi

Basta sprechi alimentari!

L'ordine è tutto! Questo vale anche per la conservazione dei prodotti alimentari. Così tieni tutto sotto controllo ed eviti gli sprechi alimentari.

Di
Janine Radlingmayr
Data
Formato
Suggerimento

Il cetriolo si è in parte ghiacciato toccando la parete posteriore del frigorifero, il coperchio dello yogurt si sta già incurvando e in un angolo del frigorifero si nascondono i resti del pranzo del fine settimana: sprechi alimentari che puoi evitare molto facilmente. Come? Con la giusta conservazione dei prodotti alimentari, non solo in frigorifero.

Conservare correttamente il cibo

In Svizzera ogni giorno viene gettato via in media un pasto completo per persona. Questo spreco si potrebbe evitare con una buona pianificazione della spesa, un trasporto adeguato, ordine e una conservazione intelligente dei generi alimentari. E si risparmierebbero anche molti soldi. Ma a cosa si deve fare attenzione?

Alcuni prodotti alimentari devono essere refrigerati bene, altri necessitano invece di temperature più calde. Il pane ad esempio va conservato al fresco e all'asciutto, se possibile in un portapane in legno o terracotta, riponendolo con la superficie di taglio verso il basso. Chi lo copre poi con un panno di cotone, evita che si secchi o diventi gommoso.

Nemmeno le patate si devono conservare nel frigorifero, ma preferibilmente senza confezione di plastica in un sacchetto di lino in un luogo fresco, ben ventilato e al buio.

Riempire il frigorifero, ma con criterio

Nel frigorifero ogni prodotto alimentare dovrebbe avere il proprio posto fisso. In questo modo è più facile tenere tutto sotto controllo. Importante: i prodotti freschi appena acquistati non vanno posti davanti a quelli più vecchi. Altrimenti questi ultimi si dimenticano facilmente e si deteriorano.

Disponendo tutto correttamente, non si fa solo ordine nel frigorifero; anche i cibi si conservano più a lungo. Impostare la temperatura giusta del frigorifero e collocare i cibi nella zona adatta; ecco come fare:

Illustrazione di un frigorifero con numerazione
  1. Scomparto superiore
    Poiché l'aria calda sale verso l'alto, nello scomparto superiore vi sono circa 8-10 °C. È il posto perfetto per conservare i formaggi o gli avanzi, che è meglio coprire o riporre in appositi contenitori.

  2. Sportello del frigorifero
    Con i suoi 10-15 °C, è la parte più calda, la collocazione ideale per uova, burro, salse, confetture e bevande. Utilizza gli appositi supporti per conservare gli alimenti in modo sicuro.

  3. Scomparto centrale
    Nello scomparto centrale la temperatura è di circa 5 °C, ideale per il latte e i latticini come lo yogurt e il quark.

  4. Scomparto inferiore
    Con i suoi 2 °C circa, lo scomparto sopra quello della frutta e della verdura è il più freddo. Qui trovano posto gli alimenti che si deteriorano rapidamente, come carne, pesce e salsicce. Questo ripiano è anche adatto per uno scongelamento delicato.

  5. Scomparto per frutta e verdura
    Qui la temperatura di circa 8 °C permette di conservare quasi tutti i tipi di frutta e verdura. Prodotti sensibili al freddo come pomodori, patate o banane è meglio conservarli fuori dal frigo.

Lo posso ancora mangiare?

Gli alimenti freschi e facilmente deperibili è meglio conservarli in frigorifero. Molti microrganismi come i batteri, le muffe o il lievito non sopportano il freddo che impedisce loro di svilupparsi e proliferare. Per verificare cosa può essere ancora consumato e cosa è meglio evitare, è bene dare un'occhiata alla data di scadenza (date Migros) sulla confezione.

La data di scadenza ("Da consumare entro il...") è presente sui prodotti facilmente deperibili, che proprio per questa ragione vengono refrigerati. Indica la data entro la quale un alimento deve essere consumato. Dopo la scadenza si verificano – più o meno rapidamente a seconda del prodotto – alterazioni che possono comportare un pericolo per la salute. La data di scadenza è dunque indicata per tutelare la salute.

La data minima di conservabilità («Da consumare preferibilmente entro il…») è un consiglio: fino a tale data viene garantita una qualità ottimale del prodotto. In seguito bisogna attendersi cali della qualità. Dal punto di vista della salute, generalmente il prodotto può però essere consumato anche dopo il termine minimo di conservazione. Per quanto tempo? Dipende dal prodotto. In caso di dubbi, tuttavia, è sempre meglio buttarlo via.

È quindi tanto più importante evitare di superare la scadenza: a tal fine sono utili la pianificazione, l'ordine e la corretta conservazione.

Verdure nell'apposito cassetto del frigo

Consigli su come conservare i cibi in frigorifero

  • Il burro nell'apposito contenitore, perché i latticini assumono facilmente odori estranei.

  • Il modo migliore per conservare salsicce, carne fresca e pesce sono i contenitori ermetici.

  • I resti di prodotti in scatola si devono travasare in contenitori richiudibili.

  • I cibi cotti vanno lasciati raffreddare completamente prima di essere riposti in frigorifero. Anch'essi si conservano in modo ottimale in appositi contenitori.

  • In generale non si dovrebbero mai mettere nel frigorifero cibi senza un contenitore o una confezione.