Una mano taglia del pane integrale scuro

Vietato gettare

Così il pane si mantiene fresco più a lungo

Tutti vanno matti per il pane fresco, ma spesso la croccantezza svanisce in breve tempo. Ecco i consigli per mantenere il pane fresco più a lungo.

Di
Claudia Schmidt
Data
Formato
Suggerimento

1. Acquistare la quantità di pane giusta

Se sai già che una pagnotta grande è troppo, acquista piuttosto un pane più piccolo. Così non farà in tempo a invecchiare. È opportuno sapere che il normale pane con il lievito diventa raffermo e si secca più in fretta del pane a pasta acida. La fermentazione prodotta dal lievito naturale, o lievito madre, mantiene infatti il pane fresco più a lungo. Anche le varietà scure con un'elevata percentuale di farina integrale rimangono fresche più a lungo rispetto a quelle a base di farina bianca.

2. Conservare il pane correttamente

Il pane si conserva bene nei sacchetti di carta e negli appositi portapane. Frigorifero e sacchetti di plastica non sono invece adatti.

3. Tostare e "rinfrescare" il pane nel forno

Se dopo uno o due giorni il pane non è più fresco, puoi tostarlo a fette singole. La baguette invece torna croccante se la metti nel forno a 150 °C per pochi minuti. Il risultato sarà perfetto spennellando la baguette con poca acqua prima d'infornarla.

4. Affettare il pane e congelarlo

Le fette di pane possono essere facilmente congelate. In seguito basterà scaldarle nel tostapane per ritrovarne la fragranza.

Consiglio: se congeli diverse fette insieme, evita di metterle a contatto. Puoi ad esempio interporre tra una e l'altra la pellicola salvafreschezza.

5. Cosa fare con il pane raffermo

Puoi tagliare il pane raffermo a cubetti e lasciarlo asciugare bene. Una volta secchi, puoi arrostire i cubetti in una padella con un filo d'olio oppure tritarli nel cutter per farne del pangrattato. I resti di treccia o pane per toast possono anche diventare panperduto o panzanella. Con le fette di pane bigio o di segale puoi preparare ottimi crostoni al formaggio fuso. Le fette di pane molto sottili possono essere fatte seccare e successivamente arrostite in forno per ottenere cracker croccanti da intingere nei dip.