Mele di diversi colori, dal rosso al verde

Varietà di mele robuste

Mele con un miglior sistema immunitario

Esistono nuove varietà di mele che sono per natura più robuste delle varietà convenzionali. Come si ottengono e cosa le rende più robuste?

Di
Nina Huber
Data
Formato
Cosa facciamo

Che cos'è una mela robusta?

Una varietà di mele robusta viene attaccata meno rapidamente o meno gravemente da malattie come la ticchiolatura o da parassiti come gli afidi rispetto ad altre varietà. Il grande vantaggio delle mele con un migliore sistema immunitario è che richiedono meno prodotti fitosanitari. Ciò significa che i trattori devono transitare meno spesso attraverso le colture, con conseguente risparmio di CO2. Entrambi questi aspetti sono un vantaggio per l'ambiente.

Come si ottiene una nuova e robusta varietà di mele?

Le varietà robuste vengono allevate miratamente. Il primo passo è scegliere le varietà di partenza giuste per l'incrocio. Vengono prese in considerazione quelle che, in precedenti programmi di selezione e o nell'esperienza dei produttori nazionali ed esteri, hanno dimostrato di essere particolarmente valide in termini di sapore, conservabilità e resistenza alle malattie. «Mentre in passato molti programmi di selezione si concentravano principalmente sul miglioramento della resa e della qualità dei frutti, oggi l'aspetto della resistenza alle malattie, ai parassiti e ai cambiamenti climatici sta assumendo un ruolo sempre più importante», afferma Simone Bühlmann-Schütz, selezionatrice di mele presso Agroscope, il centro di competenza della Confederazione per la ricerca agronomica.

Ecco come funziona il processo di selezione e incrocio: in una prima fase, l'allevatrice e il suo team impollinano a mano 10'000 fiori di melo. Per evitare un'impollinazione incrociata da parte delle api, i fiori vengono avvolti in sacchi. In autunno poi, quando si raccolgono le mele, se ne rimuovono i semi e si piantano uno a uno 10'000 alberi. Ogni seme è diverso, perché ognuno è portatore di una combinazione individuale del materiale genetico delle due varietà madri ed è potenzialmente una nuova varietà eccellente.

Dopo la germinazione, le piantine vengono testate in serra per verificarne la resistenza agli agenti patogeni. Gli alberelli le cui reazioni indicano una qualche cagionevolezza vengono scartati. Dopo due anni, rimane circa un decimo degli alberelli.

Passati quattro o cinque anni, gli alberi producono mele per la prima volta. A questo punto seguono altri anni di test, nei quali si verificherà non solo la robustezza in diverse condizioni climatiche e in diverse località, ma anche la conservabilità e, naturalmente, la qualità dei frutti. Tutto questo può durare anche 20 anni. Ciò che è iniziato con 10'000 fiori impollinati ha portato, dopo un quarto di secolo, a una nuova varietà che soddisfa tutti i requisiti.

Esiste oggi o ci sarà in futuro una varietà di mele resistente a tutto?

«Nel prossimo futuro, difficilmente sarà possibile allevare una varietà di mela resistente al 100%, nemmeno con l'ingegneria genetica», afferma Samuel Cia, collaboratore scientifico per la frutticoltura presso Agroscope. Questo perché anche gli agenti patogeni sono in continua evoluzione. Ragion per cui i ricercatori stanno perseguendo l'obiettivo di combinare più geni della resistenza contro la stessa malattia in un'unica varietà.