Sandra Weiss

Sandra Weiss, ingegnere

Sandra dimezza le macchine Blévita

Sandra Weiss, ingegnere e brillante costruttrice di macchine, si occupa di ridimensionare impianti di produzione complessi nell'impresa Migros Midor.

Di
Michael West
Data
Formato
Story

Specialista trentaquattrenne, non solo si intende di fabbriche, ma le trova anche belle: «Adoro i nastri trasportatori, gli enormi silos e i cordoni di saldatura perfetti», racconta Sandra Weiss. Si trova in una sala macchine del suo datore di lavoro, l'affiliata Migros Midor, e osserva un impianto che le piace particolarmente: la struttura in acciaio cromato e plexiglas produce i sandwich Blévita, biscotti o cracker doppi, che contengono un ripieno cremoso dolce o salato.

Prima l'impianto, della lunghezza di circa 50 metri, era bello imponente. Alla fine dello scorso anno, il complesso macchinario non solo è stato spostato in un'altra parte della fabbrica, ma è anche stato accorciato a 25 metri. Questo perché Midor, azienda di lunga tradizione di Meilen ZH, sta ampliando il parco macchine, ma vuole farlo negli stabili esistenti.

Un'intera orchestra di apparecchiature

L'ingegner Weiss si è assunta il difficile compito di ridimensionare l'impianto. All'inizio sembrava quasi impossibile, perché si tratta di un insieme perfettamente rodato di molte apparecchiature. Un mixer gigante mescola gli ingredienti per il ripieno di crema; un'altra macchina spalma un biscotto o un cracker con una porzione di ripieno misurata con precisione e infine il secondo biscotto vi si posa perfettamente sopra. I biscotti doppi vengono raffreddati velocemente per far indurire il ripieno e infine confezionati per la vendita.

Centinaia di Blévita in una macchina


Sandra Weiss ha risolto il compito ripiegando, per così dire, l'intero impianto: quella che prima era una linea di produzione completamente rettilinea, ora è costituita da singole sezioni disposte in parallelo e collegate tra loro da curve del nastro trasportatore. Ma rimaneva un problema: nella nuova posizione, i macchinari bloccavano un corridoio su cui transitano piccoli veicoli elettrici. Sandra Weiss ha trovato una soluzione originale rendendo mobile su ruote una parte dell'impianto che può quindi essere sganciata. È sufficiente spingerla via per liberare il corridoio.

Nata per essere un ingegnere

Come fa la specialista ad avere idee così intelligenti? «Mi ha aiutato parlarne con professionisti molto diversi», spiega. «Ho avuto scambi di idee non solo con altri ingegneri, ma anche con elettricisti, addetti alla logistica e, soprattutto, con le persone che lavorano regolarmente su questo impianto e che pertanto lo conoscono meglio di tutti.» Anche lo sport la aiuta a risolvere i problemi tecnici: pratica yoga e karate e fa escursioni nelle Alpi Glaronesi. «Quando faccio uno sforzo fisico, spesso anche i miei pensieri si mettono in moto.»

«Durante gli studi non c'era alcun divario di genere.»

Sandra Weiss (34), ingegnere


Che Sandra Weiss avesse un talento speciale era già evidente nell'infanzia, trascorsa nel Land tedesco della Renania Settentrionale-Vestfalia. Sia che giocasse con peluche e Barbie o che costruisse qualcosa con i Lego, i giochi erano sempre non solo fantasiosi, ma anche accuratamente organizzati. Spesso coinvolgeva la sorella minore come aiutante.

Più avanti, al liceo, Sandra eccelse in matematica e fisica. Tuttavia, sua madre ebbe delle riserve quando volle studiare ingegneria meccanica, un campo prettamente maschile, obiettava, e lei, in quanto giovane donna, avrebbe incontrato ostacoli in quella professione. Ma Sandra non si lasciò intimorire e proseguì lo studio dei suoi sogni alla Duale Hochschule del Baden-Württemberg. Nel suo anno erano iscritti più di cento uomini e solo quindici donne, ma non ha mai sentito commenti fuori luogo: «Non c'era alcun divario di genere durante gli studi, gli studenti maschi e femmine provavano lo stesso entusiasmo per la tecnologia.» Condividevano una passione che anima Sandra Weiss ancora oggi. Ecco perché affronta con piacere persino i compiti che sembrano impossibili.

Professioni tecniche: donne cercasi

L'economia svizzera ha urgente bisogno di un maggior numero di donne specializzate in professioni legate alla matematica, all'informatica, alle scienze naturali e alla tecnologia. In Svizzera, le donne rappresentano attualmente solo il 20 percento di tutti i titoli di studio in questi settori.

Cerchi lavoro? Qui puoi candidarti.