Ritratto di Mohammad Yusufi

Apprendistato con status F

«L'apprendistato è l'occasione per dimostrare che mi sono integrato»

Mohammad Yusufi, 23 anni, fuggito dall'Afghanistan da adolescente, sta svolgendo un apprendistato alla Delica, un'impresa Migros, anche se è stato ammesso solo provvisoriamente in Svizzera.

Di
Barbara Scherer
Data
Formato
Cosa facciamo

«Un anno fa, per la prima volta dopo otto anni, ho visto mia madre e i miei fratelli dal vivo in una videochiamata: è stato un momento commovente. In precedenza, avevo avuto contatti con la mia famiglia sempre solo per telefono o per SMS. Il motivo è la situazione politica in Afghanistan.

Sono cresciuto lì in un piccolo villaggio ed ero il maggiore di quattro fratelli. Quando avevo sei anni, mio padre ci ha lasciato e da allora abbiamo vissuto con mio nonno. Nel mio Paese c'è un'estrema povertà e non ci sono prospettive.

La fuga dall'Afghanistan

Ho dovuto lasciare il mio Paese all'età di 15 anni per potermi costruire un'altra vita. Non è stata una decisione facile né per me né per la mia famiglia. Mia madre era molto preoccupata per me, dopo tutto non sapeva cosa mi sarebbe successo.

Durante la mia fuga ho avuto spesso nostalgia di casa e molta paura. Una volta, dopo due notti insonni mi sono addormentato completamente esausto in un campo profughi e quando mi sono svegliato tutti gli altri rifugiati erano improvvisamente spariti. Ho dovuto così continuare a viaggiare da solo ed è stato spaventoso e stressante.

Per la maggior parte del tempo ho seguito altri rifugiati, ma alla fine ho dovuto cavarmela da solo per tutto il viaggio. Dopo circa un anno sono finalmente arrivato in Svizzera e ho trovato alloggio nei centri per richiedenti asilo. Ho ricevuto un permesso F che significa che sono ammesso solo provvisoriamente.

L'arrivo in Svizzera

Il mio più grande shock culturale è stato probabilmente il fatto che in Svizzera tutti hanno un'istruzione. Qui tutti sanno leggere e scrivere. Ne ho approfittato anch'io, perché già poco dopo il mio arrivo ho potuto andare a scuola per imparare il tedesco.

Dopo quattro anni in Svizzera ho iniziato a cercare un posto da apprendista. ma è stato molto difficile per me, anche perché non parlavo molto bene la lingua. Ciononostante, ho trovato un posto da installatore elettricista. Purtroppo non è andata bene e ho interrotto l'apprendistato dopo un anno e mezzo.

Non è stato facile, ma ho capito che non c'era altra soluzione. Ero insicuro e avevo molte preoccupazioni, perché in quel periodo era scoppiata di nuovo la guerra in Afghanistan e mia madre era dovuta fuggire in Pakistan con i miei fratelli.

Ho fatto fatica anche alla scuola professionale, dopo tutto sono andato a scuola solo per cinque anni in Afghanistan e non ho imparato molto, a parte leggere e scrivere, e nemmeno bene. È stato un periodo molto intenso, ho riflettuto molto e ho cercato di capire chi sono veramente e cosa voglio.

Il viaggio per arrivare alla Migros

Così ho fatto domanda per l'anno preparatorio alla formazione professionale presso il Gruppo Migros e ho potuto iniziare uno stage come operatore di linea di produzione presso l'azienda cosmetica Migros Mibelle, ma era un lavoro un po' troppo monotono per me.

Poi ho scoperto la professione di addetto operatore di edifici e infrastrutture e ho potuto continuare lì lo stage. Nell'agosto del 2023 ho iniziato l'apprendistato presso la Delica SA di Buchs.

Mi piace questo lavoro perché è vario e sono sempre in movimento. Mi occupo delle riparazioni negli edifici, della cura del giardino e di piccoli lavori idraulici. Questo apprendistato è la mia occasione per dimostrare alla Svizzera che sono arrivato e mi sono integrato.

Speranza per il futuro

La mia più grande speranza è poter cambiare il mio status da F a B per poter rimanere in Svizzera. Poi, se tutto va bene, potrò finalmente affittare una stanza tutta mia e vivere indipendentemente dallo stato. Adesso vivo in un centro per richiedenti asilo a Spreitenbach AG,

dove condivido la stanza con un ragazzo afghano di 18 anni. La cucina e il bagno sono utilizzati da otto persone. Quindi c'è sempre movimento ed è piuttosto rumoroso. È faticoso e stressante per me, perché faccio fatica a concentrarmi sullo studio per la scuola professionale.

Perciò nel fine settimana vado spesso a fare lunghe passeggiate nel bosco, per calmarmi e rilassarmi. Pratico anche il kung fu che ho imparato da solo guardando dei video su internet. Purtroppo al momento non posso permettermi di iscrivermi a un'associazione sportiva.

Non sto tanto a pensare a una possibile espulsione. La prendo come viene, perché non dipende da me. Preferisco concentrarmi sull'apprendistato e andare per la mia strada.»