Najib Nazari

Formazione

Quando apprendiste e apprendisti dirigono il negozio

Le apprendiste e gli apprendisti hanno gestito da soli, per due settimane, il supermercato Migros di Gebenstorf (AG), dal riempimento degli scaffali alla pianificazione delle casse, senza tralasciare la direzione della filiale. Il nostro autore ha lavorato con loro per mezza giornata.

Di
Ralf Kaminski
Data
Formato
Story

«Ti piacciono i funghi?», vuole sapere Najib Nazari. Guardo un'alta torre di pallet colmi di funghi e annuisco. «Bene, non è poi così difficile», afferma l'apprendista diciannovenne, che questa settimana è responsabile del reparto frutta e verdura della Migros di Gebenstorf. E quindi anche del fatto che tutti gli scaffali e i reparti frigo siano ben riempiti con i prodotti prima che la clientela prenda d'assalto il negozio alle 8.00.

Ma sono già quasi le 8.00 e c'è ancora tanto da fare. «Oggi siamo un po' in ritardo perché un collega si è ammalato», spiega il ragazzo. Pertanto è d'aiuto se non deve spiegare troppe cose a me novellino e può andare avanti con il lavoro.

Effettivamente non così difficile, perché esiste solo un numero limitato di varietà di funghi. La regola ferrea che vale anche per tutti gli altri scaffali con generi alimentari è la seguente: i prodotti con la data di scadenza più prossima vanno messi davanti e in alto, gli altri indietro e in basso. Se è rimasto qualcosa del giorno prima e non ha più un bell'aspetto: via!

Najib spiega al collaboratore ospite Ralf Kaminski come dovrebbe essere esposta l'offerta di funghi.

Mi metto al lavoro, mentre Najib si dedica ai pallet con insalate e broccoli. Champignon bianchi, champignon marroni, misti, bio, dalla regione, sfusi, confezionati: tutte le varianti devono essere ordinate per data e posizionate elegantemente al posto giusto. Mi do da fare, ma naturalmente sono molto più lento delle vere professioniste e dei veri professionisti...

Respirare aria dirigenziale

Prima ho fatto la stessa cosa per un'ora buona sullo scaffale dei latticini, decisamente più complicato, poiché occorre dapprima trovare i prodotti nell'enorme reparto frigo e poi riempire lo scaffale praticamente da dietro, affinché gli articoli con la data di scadenza più prossima siano posizionati davanti. In seguito aiuto anche nel reparto frigo Convenience a identificare i prodotti che scadono oggi: con l'ausilio di uno scanner e di una mini stampante viene applicata su tutti una nuova etichetta del prezzo. È possibile acquistarli con una riduzione di un terzo sul prezzo normale.

In ogni luogo ci sono apprendiste e apprendisti che mi spiegano che cosa devo fare e che controllano anche se opero correttamente. Da dieci giorni, infatti, la Migros di Gebenstorf è saldamente nelle mani di 15 giovani in formazione.

Questa settimana Selennur Yöney (17) è responsabile di filiale, ovvero risponde dell'intero supermercato. Poco prima delle 10.00 passa con occhio clinico tra le corsie del supermercato e controlla che tutti gli scaffali siano stati ordinati correttamente e abbiano un aspetto allettante. «Qui sono stati accatastati troppi grappoli d'uva, non va bene. Sono molto sensibili alla pressione», spiega, facendosi un appunto mentale. E continua: «È importante anche prestare attenzione ai buchi. Ci sono prodotti per i quali non abbiamo ricevuto alcun riapprovvigionamento e dobbiamo accertarci di cosa sia successo». Tutto sommato è soddisfatta, ora discute dei punti critici con le e i responsabili dei rispettivi reparti, anche loro apprendiste e apprendisti.

Tutte e tutti loro si sono candidati per le «Next Generation Weeks» e talvolta proprio per le posizioni che occupano adesso. «Come sperato, ho imparato davvero tanto», afferma Selennur. Najib ritiene che sia un'esperienza molto motivante e spera di aver così dato una sbirciatina al suo futuro. Livia Egli (18), questa settimana responsabile del reparto latticini, la pensa allo stesso modo: «È emozionante potersi assumere così tanta responsabilità».

Un'esperienza istruttiva e divertente

Questa responsabilità è avvertita anche da Piotr Brzozowski (19), che oggi, data la grande affluenza, si occupa della seconda cassa e controlla che ci sia sempre moneta a sufficienza. «La maggior parte delle persone che pagano ancora in contanti ci dà delle banconote», spiega. Conta un paio di grosse banconote della cassa, le inserisce nell'apposita busta e si reca nell'ufficio cassa, dove è disponibile una cassaforte. Con l'aiuto dell'effettivo responsabile di filiale, Michel Liechti (34), sempre presente nella filiale senza dare nell'occhio, depone le banconote nella cassaforte e ritira l'equivalente in moneta per la cassa.