Le sorelle Janine Pfander e Tamara Riesen

Top-Sharing

Queste sorelle gestiscono insieme una filiale Migros

Tamara Riesen e Janine Pfander si ripartiscono il lavoro di gerente di filiale a Burgernziel (BE). Come ci sono arrivate e che cosa implica.

Di
Andrea Bauer
Data
Formato
Cosa facciamo

L'idea di gestire insieme una filiale e conciliare così famiglia e lavoro le due sorelle ce l'avevano in testa da tempo. «Ne parlavamo spesso la domenica gustandoci insieme un caffè con una fetta di torta: pensavamo a come avremmo fatto e che l'ideale sarebbe stato restare incinte nello stesso periodo», afferma Janine.

Sembra incredibile che poco dopo tutto questo fosse realtà: i loro bambini sono nati a distanza di 6 settimane! Si sono così rese conto che il sogno a lungo accarezzato avrebbe effettivamente potuto avverarsi. Janine ne parlò quindi con Andreas Fritschi, il responsabile vendite, che subito si dimostrò entusiasta riguardo alla gestione ripartita della filiale.

Un nuovo inizio, un bel dilemma

Una novità per la Migros Aare. «Secondo noi l'ideale sarebbe stato poter applicare questo nuovo modello in una filiale nuova», racconta Tamara. «Oggi invece sappiamo che sarebbe stato più semplice in una filiale già rodata, con i vari processi interni ben definiti e team collaudati, con compiti chiaramente assegnati.» Janine conferma annuendo. «È qualcosa che abbiamo davvero sottovalutato.»

Nonostante lavorino entrambe da oltre 20 anni alla Migros Aare e nonostante fossero già state gerenti di filiale, il debutto si è rivelato più arduo del previsto. All'inizio non tutto filava liscio come l'olio, anzi! Difetti di costruzione a parte, nelle prime due settimane hanno dovuto armarsi di grande impegno e mantenere i nervi saldi, soprattutto con la tecnologia, finché tutti gli accessi e i sistemi si sono messi a funzionare come dovuto.

«Al contempo il nostro nuovo team e tutti i nuovi processi dovevano ingranare: un'impresa titanica», ricorda la 38enne Tamara.

Il piacere di vendere nel DNA

Comunque sia oggi, il loro «negozietto», come amano chiamare la Migros Burgernziel, pare andare alla grande, e questo conforta molto entrambe. Dati alla mano, le cifre d'affari «superano le previsioni, e non è cosa da poco!», afferma felice Tamara.

Il loro atteggiamento positivo e vincente fa senz'altro la sua parte. «Svolgiamo il nostro lavoro con tanta passione: vendere generi alimentari è nel nostro DNA. E da bambine giocavamo sempre al negozio!», continua Janine sorridente.

Già la loro nonna aveva un negozietto di paese. Poter sostituirla quando doveva assentarsi, per loro era il massimo. «Tamara è sempre stata quella che doveva cambiare tutto e dare istruzioni», racconta Janine, che ha cinque anni meno di Tamara. «Per contro tu eri quella che aveva sempre tutto sotto controllo, anche le ordinazioni» aggiunge Tamara.

Ancora oggi è sostanzialmente così: «Tamara ha, diciamo, l'ossessione di dover controllare tutto, ma è anche la mente del tutto». «È vero», ammette Tamara. «Tu invece sei la persona che esegue; tutto va fatto, e preferibilmente subito!»

Ridono. Lo stretto legame nonché il rispetto reciproco sono evidenti. Janine puntualizza: «In realtà la pensiamo alla stessa maniera, ma non sempre concordiamo sul da farsi!»

Essere sorelle e lavorare insieme ha vantaggi e svantaggi

È proprio questa complementarietà che caratterizza la conduzione ad opera delle sorelle. «Ogni tanto volano parole grosse», succede pure questo, ma è inevitabile, confessa Tamara.

«E non mancano le offese. Questo perché essere criticata dalla propria sorella pesa di più di una critica esterna. Ecco perché la vicinanza può essere di ostacolo. Ma siccome ci conosciamo più che bene, troviamo presto una soluzione.» Ci sono quindi vantaggi e svantaggi nel lavorare a stretto contatto fra sorelle.

«Continuiamo a impegnarci per trovare l'approccio migliore da applicare a questo modello di gestione.» Siccome è qualcosa di inedito, tutte le esperienze con il team sono nuove. «L'importante è cambiare subito quel che non va per farlo diversamente. Così ci miglioriamo, giorno dopo giorno.»

Un buon esempio per altre mamme

Adesso lavorano a giorni alterni: Tamara il lunedì e mercoledì, Janine il martedì e il giovedì; il venerdì e il sabato si danno il cambio. Parlarsi è fondamentale: entrambe devono essere al corrente di tutto; altrimenti non funziona. In fatto di comunicazione, la vicinanza familiare è un vantaggio.

Le due sorelle sono consapevoli del loro ruolo di apripista per altre gestioni di filiali in coppia. «Vorremmo essere un buon esempio per altre madri; anche per questo ci adoperiamo al massimo, per offrire un modello applicabile.»

Entrambe sono convinte che sarebbe fattibile da due persone che s'intendono, si comprendono e condividono le stesse opinioni. Confrontarsi sempre, in modo aperto e sincero, è la conditio sine qua non. Su questo Tamara e Janine non hanno dubbi.

Stai considerando l'opzione di lavorare per il Gruppo Migros? Ecco i vantaggi per te.